logo CGIL

LA COSTITUZIONE ITALIANA

 

L’Ordinamento giuridico italiano è uno dei più vasti e complessi al mondo, ma la ricchezza di norme, l’estrema variabilità di strumenti legislativi e regolamentari non sempre sono sinonimi di efficienza.

In questa pagina del portale troverete una raccolta di testi normativi, di approfondimenti e di sentenze che vi aiuterà a orientarvi nella ricerche che possono esservi utili nella vita di tutti i giorni e, soprattutto, nel rapporto di lavoro.

 

È una selezione che abbiamo deciso di aprire con la Costituzione della Repubblica Italiana – la Legge delle Leggi – che sui diritti fondamentali e in materia di rapporti sociali ed economici presenta ancora un’insospettabile e confortante attualità.
È la Costituzione del 1948, infatti, che dà della Legge una definizione normativa della cui modernità non si può dubitare.
Tra i Principi Fondamentali, è sicuramente da richiamare l’art. 3, con il quale si è scelto di regolare una libera società democratica non solo in termini di astratta parità dei cittadini, ma dando concreta attuazione al principio dell’uguaglianza delle persone.
Costituzione della Repubblica Italiana – Art. 3
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Documentazione






 

 

 
NEWSLETTER | MAPPA DEL SITO | FISAC IN RETE | SETTORI | MULTIMEDIA | LINK